ATTO COSTITUTIVO

“DIRE FARE SOCIALE”

network di cooperative sociali

 

“Dire Fare Sociale” è una realtà organizzativa che intende dare forma e riconoscibilità ad un patrimonio di valori e azioni di cui sono portatori i soggetti che ne fanno parte, attraverso azioni di studio, di promozione culturale, di progettazione e di realizzazione di interventi sociali che favoriscano il benessere dei soggetti deboli del territorio.

1. La Carta dei Valori

Le cooperative sociali Casa della Gioventù, Irs l’Aurora, Crescere, e Progetto Solidarietà hanno avviato un percorso di riflessione sulle rispettive storie, sulle esperienze svolte e sulle specifiche caratteristiche rilevando una sostanziale convergenza attorno ad alcuni elementi comuni:

la scelta del radicamento sul territorio, inteso come interazione con le comunità di appartenenza in termini di riconoscibilità, vicinanza e attenzione ai problemi del territorio mediante la creazione di servizi utili, nuovi, dinamici, attenti al cambiamento, sostenuti dalla comunità stessa;
la predilezione per una cultura della prossimità, intesa sia come capacità di rilevazione dei bisogni e conseguente ricerca di appropriatezza nelle risposte basata sulla vicinanza al portatore della richiesta, sia sulla conseguente capacità di attivare processi di progettazione e intervento caratterizzati dalla concreta possibilità di fornire al servizio erogato una “faccia”, cioè un volto riconoscibile;
la predilezione per interventi e servizi di prossimità: la qualità dell’intervento sociale del futuro sarà sempre più identificabile con servizi personalizzati, leggeri e agili per garantire una maggior rispondenza al cambiamento dei bisogni delle persone;
la sfida della centralità della persona:a qualsiasi membro della comunità, in ogni momento e in ogni contesto della propria esistenza è necessario garantirla possibilità di ricevere risposte adeguate a esigenze di vita, ma anche accoglienza, valorizzazione delle rispettive specificità e potenzialità, solidarietà diffusa: persone sono gli utenti, i loro familiari, gli operatori, i membri della comunità…
la consapevolezza del valore della propria esperienza cooperativa, ci spinge a desiderare di contaminare le realtà che incrociamo con la nostra vision, il nostro patrimonio genetico che si fonda sulla necessità di apportare cambiamenti, di diffondere una cultura del benessere, di sviluppare comunità competenti, attente ai diritti e al bene comune, in realzione con i cittadini e le istituzioni;
l’opportunità di rinnovarsi in tempo di crisi, culturalmente (ricercando, studiando, recuperando contenuti e confronti…), come approccio (da una prassi autoreferenziale alla costruzione di alleanze e collaborazioni…), nel desiderio di affrontare il futuro in maniera responsabile e creativa, a partire dai problemi reali, perseguendo la giustizia e il rispetto della persona e della dignità dei più fragili e vulnerabili.

2. Obiettivi:

Sviluppare nuove progettualità privilegiando i servizi di prossimità mettendo in gioco le singole specificità e competenze per la realizzazione di iniziative comuni
Valutare i bisogni sociali dei territori, individuare le risorse presenti, costruire risposte, confrontandosi sulle politiche sociali dei territori di Senigallia e Fano
Diffondere una cultura del lavoro sociale “cooperativo” (in rete, collaborativo, innovativo) e del benessere sociale e sviluppare un network di comunicazione sociale

3. Regole:

  • La rete valorizza le specificità e l’esperienza di ogni organizzazione aderente
  • Ogni organizzazione aderente mantiene la propria autonomia organizzativa e politica
  • Le organizzazioni che aderiscono alla rete praticano la massima trasparenza nei rapporti. Esse possono anche competere tra loro su nuove progettualità
  • Le azioni di rappresentanza della rete vanno definite all’unanimità
  • La conduzione delle attività interne deve essere circolare
  • La concorrenza non è ammessa su servizi preesistenti